stella Inattivostella Inattivostella Inattivostella Inattivostella Inattivo

4 2

69,950
Rif.25026 Appartamento a San Miguel (Centro città)

1 1

70,000
Rif 25300 Appartamento al piano terra a San Miguel (Mirador del Mediterraneo)

2 1

75,000
Rif.25305 Appartamento a San Miguel (Centro città)

2 2

82,000
Rif 25306 Appartamento a San Miguel (Centro Città)

2 1

82,500
Rif.25024 Appartamento a San Miguel (Centro città)

3 2

129,950
Rif.25022 Villa indipendente a San Miguel (Lakeview Mansions)

3 3

250,000
Rif.25025 Villa bifamiliare a San Miguel (Centro città)

4 3

265,000
Rif.25021 Villa indipendente a San Miguel (Eagle´s Nest)

5 3

320,000
Rif. 25307 Villa unifamiliare a San Miguel (Las Comunicaciones)

stella Inattivostella Inattivostella Inattivostella Inattivostella Inattivo

La Cina ci fornisce indizi su come si riprenderà il mercato immobiliare?

Uso la parola "recupero" perché, sebbene non siamo ufficialmente in recessione, effettivamente il mercato immobiliare (e gran parte del resto dell'economia) in Spagna è "sul ghiaccio", cioè congelato, paralizzato e messo in attesa ( salvo pochissime eccezioni) mentre il confinamento (lockdown) continua. Il blocco è stato ora ufficialmente prorogato fino al 26 aprile, con il presidente Sánchez che già si aspettava di dover richiedere una proroga a maggio. Ma le restrizioni sulle attività non essenziali, ad esempio il settore delle costruzioni, saranno allentate lunedì (https://www.lasexta.com/noticias/nacional/construccion-industria-estas-son-las-actividades-que-se-reactivan-el-lunes-tras-el-paron-por-coronavirus_202004095e8f2387eb72ce00012a20ad.html) sebbene vi sia scetticismo su come ciò funzionerà con la mancanza di dispositivi di protezione individuale disponibili.  

Da parte nostra a Villas Fox, abbiamo diverse vendite che erano quasi pronte per il completamento prima del blocco e prevediamo che la maggior parte di queste vendite avrà luogo non appena il blocco sarà revocato. Speriamo che questo sia l'inizio della nostra personale guarigione. Ma questo articolo pubblicato oggi su El Confidentcial offre alcune rassicurazioni su come potrebbe essere il resto dell'anno per il mercato immobiliare e parla di una possibile rapida ripresa. Come ci si potrebbe aspettare, visto l'ottimismo dell'articolo in un momento in cui l'intero paese (a meno che tu non sia una delle persone meravigliose che tengono insieme tutto lavorando o come parte di un ospedale, supermercato, distributore di benzina, farmacia, forze di sicurezza, raccolta dei rifiuti, autisti di consegna, ecc.) è ancora sotto un coprifuoco di 24 ore con timori senza precedenti per salute, lavoro e istruzione... la sezione commenti sembra già piuttosto ostile!  https://www.elconfidencial.com/vivienda/2020-04-08/coronavirus-china-mercado-residencial-viviendas_2538008

Traduzione di Google: cosa accadrà agli alloggi in Spagna? Il mercato cinese ci fornisce diversi indizi che il mercato immobiliare cinese si è fermato nel gennaio 2020 per tentare di arginare l'espansione del coronavirus. Lo spagnolo lo ha fatto il 15 e il 26 marzo Foto: i lavoratori edili vanno in bicicletta. (Reuters) I lavoratori in un cantiere edile viaggiano in bicicletta. (Reuters) AUTORE E. SANZ Contatta l'autore elena_sanz TAGS CORONAVIRUSREAL-ESTATE MARKETCHINA SETTORE RECUPERO ECONOMICO SETTORE RESIDENZIALE E VENDERE LETTURA 12 min 04/08/2020 11:59 - AGGIORNATO: 04/08/2020 18:28 Il mercato immobiliare cinese si è fermato nel gennaio 2020 per provare per fermare la diffusione del coronavirus. Lo spagnolo lo fece il 15 e 26 marzo, quando il governo decretò lo stato di allarme e successivamente la cessazione di tutte le attività non essenziali, comprese le opere di dozzine di promozioni in tutta la geografia spagnola. In Spagna, proprio come è accaduto in Cina, la vendita di case è stata paralizzata e l'incertezza attorno a questo mercato una volta riavviati i lavori - prevedibilmente, il 9 aprile - è incerta. Gli esperti indicano una crisi profonda e una rapida ripresa, ma la verità è che l'assenza pratica di principi simili fa sorgere molte domande sul futuro. Tuttavia, ciò che è accaduto nel 2003 a Hong Kong con la SARS o il graduale ritorno dell'attività economica in Cina ci offre alcuni indizi sugli effetti che questa crisi avrà sull'economia nazionale e, in particolare, sul mercato residenziale. Secondo i dati di Capital Economics e Knight Frank, le transazioni nelle 30 principali città della Cina sono precipitate quasi al 100% dal giorno in cui è stato scoperto il primo caso di contagio, mentre nella prima metà di marzo, quasi due mesi dopo. da ciò, le vendite si sono parzialmente riprese. Le vendite di case in tutto il mese di marzo dei primi 100 sviluppatori nel paese sono aumentate del 136% rispetto a febbraio In effetti, secondo i dati di China Real Estate Information Corporation (CRIC), le vendite di case nell'intero mese di marzo del I primi 100 sviluppatori del paese sono aumentati del 136% rispetto a febbraio, una percentuale che riduce il calo nel primo trimestre del 21% rispetto al primo trimestre del 2019. I promotori, nel frattempo, si aspettano che le vendite si normalizzino durante il mese di aprile, anche se, secondo Oxford Economics, c'è ancora molta cautela tra gli acquirenti riguardo al virus e all'incertezza sulla perdita di posti di lavoro. Il settore è fiducioso, tuttavia, che le misure di sostegno finanziario del governo e una maggiore liquidità possano aiutare ad aumentare le vendite, come affermato dal presidente della Cina Evergrande, il terzo più grande promotore di vendite nel paese, in dichiarazioni raccolte dal "New York Times". Ritorno alla normalità alla fine dell'anno? In Spagna, da parte sua, dopo il crollo delle vendite previsto a marzo e aprile, il settore immobiliare nel suo insieme si affida a una lenta ripresa durante i mesi estivi, per raggiungere una certa normalità delle transazioni nel corso finale dell'anno. Così, ad esempio, il CEO della Appraisal Society, Juan Fernández-Aceytuno, ha scommesso qualche giorno fa per recuperare la media di circa 40,000 vendite mensili nel mese di dicembre. Anche in Cina, molti promotori ritengono che il coronavirus avrà solo un effetto a breve termine e non influenzerà la domanda di alloggi a lungo termine. Il quotidiano nordamericano evidenzia, ad esempio, come la Cina Evergrande prevede un aumento delle vendite del 30%, mentre altri grandi promotori nel paese hanno fissato più o meno gli stessi obiettivi di vendita dello scorso anno, in alcuni casi anche più elevati. I primi dati indicano già una certa normalità. Gli uffici vendite di CapitaLand in Cina sono progressivamente riaperti a marzo, con un fatturato di 1.3 miliardi di yuan (170 milioni di euro), più di 5.5 volte le loro vendite di gennaio e febbraio messe insieme. Uno dei suoi progetti nella città di Xi'an, che consiste di 288 unità ed è stato messo in vendita il 24 marzo, è stato venduto in soli quattro giorni per un valore lordo di 405 milioni di yuan (quasi 53 milioni di euro). La casa si sta preparando per il primo calo dei prezzi a causa del coronavirus E. SANZ L'arrivo sulla scena di un cigno nero chiamato coronavirus ha fatto saltare in aria l'economia mondiale e avrà un impatto diretto sul mercato residenziale I primi dati sulle transazioni e questo tipo di vendite - molto puntuali, ovviamente - hanno iniettato una buona dose di ottimismo nei grandi sviluppatori del paese, che sperano di aumentare la spesa proprio grazie a un aumento più rapido delle vendite di case. del previsto nel primo trimestre e maggiore liquidità. Gli analisti, tuttavia, richiedono cautela, poiché la ripresa economica potrebbe richiedere più tempo del previsto e, inoltre, avvertono che non sarà omogenea, come hanno già iniziato a verificare. In effetti, a livello nazionale, le vendite di case in termini di metri quadrati dovrebbero mostrare un calo del 14% nel primo semestre e del 4.5% nel secondo, a condizione che la pandemia sia sotto controllo ad aprile in tutto il paese. Inoltre, i mercati secondari e le piccole città non sono ancora ai livelli di ripresa delle grandi città, dove la mancanza di prodotto e una maggiore domanda hanno permesso un maggiore dinamismo nelle transazioni dopo la fine del parto. E in Spagna, secondo gli esperti, lo stesso dovrebbe succedere. Centro finanziario di Pudong a Shanghai, Cina. (EFE) Pudong Financial Center a Shanghai, Cina. (EFE) Recupero a diverse velocità Secondo i dati CRIC raccolti dal "South China Morning Post", le transazioni in otto grandi città - Shenzhen, Chengdu, Fuzhou, Hangzhou, Huaian, Yangzhou, Jiaxing e Shantou - mostrano il recente ritorno degli acquirenti settimane, con un volume di vendite che ha superato i livelli medi dell'ultimo trimestre del 2019. Inoltre, le vendite di case in 30 città grandi e medie hanno triplicato le cifre di febbraio a marzo, secondo Wind Information. E lo stesso potrebbe accadere in Spagna, con un mercato che da quando è iniziata la ripresa nel 2014 si è spostato a due velocità, con città come Madrid o Barcellona all'avanguardia. Gli esperti sperano anche che la mancanza di nuovi prodotti da costruzione in entrambe le città servirà da catalizzatore per le vendite. L'impatto sarà anche molto diverso nel settore degli sviluppatori. Come in Cina, in Spagna è un settore altamente atomizzato e gli analisti ritengono che un calo delle vendite di case quest'anno nel paese cinese potrebbe portare al crollo dei più piccoli sviluppatori. In effetti, i maggiori sviluppatori cinesi tendono a concentrare i loro sviluppi nelle grandi città, dove la domanda di alloggi è più forte. La mancanza di prodotto e una maggiore domanda hanno permesso un maggiore dinamismo delle transazioni nelle grandi città In Spagna, esperti come Juan Fernández-Aceytuno scommettono che la tendenza prima dello scoppio della crisi continuerà. "Se prendiamo in considerazione ciò che è accaduto dopo altre crisi pandemiche come la SARS del 2003 a Hong Kong, dopo il colpo di stato iniziale, il settore immobiliare riprenderà la tendenza dei prezzi e delle transazioni prima dello scoppio della crisi. Cioè, se detto trend fosse al ribasso, dovrebbe continuare, ma non accelerare. "Per quanto riguarda i prezzi, pochi esperti si avventurano a fare previsioni. Nel caso della Spagna, l'economista Gonzalo Bernardos registra un calo tra il 4% e il 6% a livello nazionale e un po 'più alto a Madrid e Barcellona, ​​mentre Mikel Echavarren, CEO di Colliers International, prevede un ulteriore adeguamento nel caso del mercato dell'usato completamente paralizzato e, essendo in mani private, le visite alle case in vendita sono state completamente frenate. I prezzi scenderanno? Se riportiamo lo sguardo sulla Cina, che cosa è successo ai prezzi? Alcuni promotori sono stati costretti a offrire sconti per aumentare le vendite ed evitare una crisi di liquidità, ma questa non sembra essere un'opzione sul tavolo in Spagna, dal momento che, come Samuel Population, direttore nazionale e terra di CBRE, "non ci sono margini eccessivi per adeguare i prezzi, dal momento che significherebbe porre troppo stress sul settore dei promotori e incorrere in possibili perdite ". D'altra parte, secondo il "South China Morning Post", i prezzi di alcuni progetti sono stati limitati dal governo e sono inferiori al prezzo di mercato, che ha favorito le vendite, e lo stesso è accaduto con il prezzo. di terra - in particolare quella di proprietà statale - che ha incoraggiato le transazioni di grandi sviluppatori, in particolare di quelle più grandi, dal momento che le piccole, più deboli e dipendenti dalle vendite di case per sopravvivere, sono state costrette a perdere zavorra, con la vendita di piani. Un esempio. Country Garden, un altro dei grandi sviluppatori del paese, ha acquistato più terra nel primo trimestre rispetto a un anno fa. Acquisti che sono stati innescati da agevolazioni fiscali e che hanno anche causato i primi aumenti di prezzo a causa dell'enorme appetito degli acquisti. Gli esperti scommettono che il settore immobiliare riprenderà la tendenza dei prezzi e delle transazioni prima dello scoppio della crisi Potrebbe accadere qualcosa di simile in Spagna? Gli esperti dicono che devi stare attento con i confronti, poiché la risposta di diversi governi alla crisi è molto diversa. Secondo Knight Frank, l'esperienza in Asia suggerisce che quando il numero di infezioni diminuisce, l'attività aumenta relativamente rapidamente, anche se è anche vero che inizia da livelli molto bassi. D'altra parte, non bisogna dimenticare che nelle grandi città come Madrid o Barcellona, ​​la tendenza dei prezzi era in calo prima dello scoppio della crisi, mentre il grande problema dell'accessibilità a una casa non è stato risolto. Inoltre, con i prezzi delle case ai massimi livelli in queste città, l'ondata di licenziamenti temporanei innescati dal conronavirus e il calo dei salari, si prevede un possibile deterioramento dell'accesso ai finanziamenti, in modo tale che l'accesso a un'abitazione di proprietà potrebbe essere complicato nel prossimo futuro per parte della domanda, che fino a poche settimane fa poteva permettersi di acquistare una casa. Governi vs. Covid: più soldi per comprare una casa o pagare solo interessi E. I governi di SANZ in tutto il mondo hanno preso rapidamente provvedimenti per attutire il più possibile l'impatto brutale sulle loro economie e sui loro cittadini. Inoltre, come Juan Confnández-Aceytuno ha recentemente pubblicato su El Confidencial, "in Spagna, questa crisi prende noi con la sensazione di una ripresa economica che non ha ancora raggiunto l'economia finalista, con la percezione condivisa che stiamo raggiungendo una tendenza al cambiamento nel settore residenziale, un rallentamento dell'economia generale e una mancanza di stabilità politica. "" La Cina è l'esempio più recente in cui la Spagna può guardare a se stessa, ma già nel 1918, anno dell'influenza spagnola erroneamente, diversi studi hanno rivelato che quei luoghi in cui ha agito prima e con maggiore forza - in termini di distanza sociale— Contro l'epidemia sono cresciuti più velocemente quando è passata la pandemia ”, sottolineano il dipartimento studi di Fotocasa. Un ultimo esempio è quello della SARS del 2003 e dei suoi effetti sul PIL di Hong Kong, uno dei luoghi più colpiti. Il portale immobiliare nordamericano Zillow ha condotto uno studio sul comportamento del mercato residenziale durante precedenti pandemie e ha concluso che, sebbene le vendite di case siano calate drasticamente durante l'epidemia, i prezzi sono rimasti pressoché invariati o hanno subito un lieve calo, che secondo questo portale aveva senso, dal momento che è più difficile fluttuare i prezzi quando ci sono poche transazioni. Un'opinione condivisa da Juan Fernández-Aceytuno. "Non sappiamo come influenzerà i prezzi. Dobbiamo aspettare. In questo momento, se mi viene commissionato di valutare un lavoro in corso, prenderò il mio database e i miei testimoni. I prezzi nel valutarli avranno una curva che non seguirà quella delle transazioni. Non possiamo confondere valore e prezzo, sarebbe scandaloso. Potrebbe non esserci un prezzo perché non ci sono transazioni, ma la casa ha un valore. Dovrò avvertire nei miei rapporti che stiamo affrontando una situazione di "shock" e che la valutazione potrebbe essere influenzata a medio e lungo termine, ma non posso quantificarla. Quando iniziano a verificarsi transazioni e un promotore, un testimone o un agente immobiliare mi informano che ha dovuto rinunciare al 20% per vendere una casa, quindi avrò già un'informazione da aggiungere al mio database e i prezzi inizieranno ad essere adeguati . Ma non aspettatevi un improvviso cambiamento nelle valutazioni, ma una tendenza, su o giù, a medio o lungo termine. "Ripristino in V? "Durante la pandemia di influenza del 1918, così come la SARS del 2003, la bibliografia ci dice che il PIL è sceso rapidamente intorno al 5-10%, ma anche che è cresciuto subito dopo. Questo tipo di ripresa economica nella forma de '- secondo la bibliografia consultata - è caratteristica delle crisi pandemiche, d'altra parte, nelle crisi finanziarie, dove i periodi sono più lunghi, la ripresa varia, a seconda del paese e della sua esposizione, in periodi tra 18 e 36 mesi ", ha recentemente spiegato Aceytuno. La ripresa a forma di V è caratteristica delle crisi pandemiche, sebbene la ripresa richieda più tempo in termini finanziari "Per quanto riguarda i prezzi delle case a Hong Kong, questi non hanno modificato la tendenza prima del momento critico della crisi, sebbene l'attività sia improvvisamente diminuita, intorno ai 70 %. Quando le cause che hanno rallentato l'interazione tra le persone, e quindi le visite alle case e alle filiali bancarie, le transazioni non solo si sono riprese, ma in termini di transazioni il cambiamento nella tendenza positiva è sorprendente. Per quanto riguarda i prezzi, non è che da allora siano diminuiti, ma hanno praticamente continuato la loro tendenza al ribasso come se nulla fosse successo. "Come sottolinea Fotocasa," ciò che molti di questi schemi hanno in comune, a differenza della crisi finanziaria spagnola del 2008, è che i loro sistemi finanziari hanno fatto uno sforzo rapido per mantenere la liquidità. In questo modo, gli effetti economici negativi temporanei sono stati compensati, facilitando la ripresa a breve termine. Tuttavia, la Spagna non è la Cina, né Hong Kong del 2003 né, affatto, gli Stati Uniti di un secolo fa. Nessuno di questi antecedenti ci consente di prevedere il futuro.

stella Inattivostella Inattivostella Inattivostella Inattivostella Inattivo

Abbiamo recentemente festeggiato i 5 anni da quando abbiamo ricevuto le chiavi del nostro Villas Fox ufficio, e anche se abbiamo pensato di organizzare una festa sfrenata, abbiamo pensato di salvarlo fino a raggiungere i 10 anni! Quindi, invece, abbiamo optato per una torta e qualche drink in ufficio prima di andare da Paco's (Meson Rincón de Paco) per festeggiare con la famiglia e una fantastica paella! Speriamo che i prossimi 5 anni abbiano lo stesso successo degli ultimi! Grazie a tutti coloro che ci hanno aiutato a raggiungere questo traguardo: sai chi sei! xxx

! grazie a Paco e Maria per otra cena magnífica in Rincón de Paco! 6 persone, 2x paella (una de verduras y otra de pollo) e la cuenta total era tan solo 65 euro !!! Un altro ottimo pasto a Rincón de Paco ieri sera. 6 persone, 2 paella (una vegetariana e una di pollo) .. così grande che abbiamo dovuto portarne molto a casa ... e il conto è arrivato a soli 65 euro. Devi ordinare le paelle in anticipo (anche quella di pesce è eccellente) ma se non l'hai ancora provata devi farlo. Non sono nemmeno un grande fan della paella normalmente, ma le paella di Paco sono qualcos'altro! E se non vuoi la paella ci sono circa 25 tapas tra cui scegliere e anche il suo solomillo è eccellente.

Carta

  • Informazioni di base
  • (€). 0
    (€). 1,000,000
  • Indirizzo
  •  
  • Dettagli
  • -
    -
  • Altro
  •   In evidenza
  • Ordinamento
  •   Ricerca avanzata