Voto utenti: 5 / 5

stella attivostella attivostella attivostella attivostella attivo
 

Il covid uccide venti volte di meno nella quinta ondata dopo l'avanzata dei vaccini

https://www.informacion.es/alicante/2021/07/24/covid-mata-veinte-veces-quinta-55413824.html

L'anticipo delle vaccinazioni è al centro della causa della diminuzione della letalità del virus

Attenzione ad un paziente con covid nell'Ospedale di Torrevieja durante la terza ondata. XEL ÁLVAREZ

Attenzione ad un paziente con covid nell'Ospedale di Torrevieja durante la terza ondata. XEL ÁLVAREZ

L'incidenza del covid è aumentata nelle ultime settimane nella Comunità Valenciana, qualche incertezza sulla salute è tornato e avanzano le restrizioni della Generalitat. Tuttavia, questa quinta ondata lascia un dato meno negativo: la letalità del virus è diminuita drasticamente . Con la vaccinazione avanzata, le infezioni non si traducono più nello stesso tasso di mortalità di prima. Nonostante l'allerta continui, l'esito è meno grave rispetto ai mesi precedenti

Se i dati della Conselleria de Sanidad Universal sono presi dal 21 giugno - data in cui inizia a rilevare l'aumento dei contagi - e contagi e decessi fino a questo sabato 24 luglio, si ha una mortalità 20 volte inferiore a quella di la terza ondata di gennaio e febbraio scorsi, la più disastrosa in termini di morti nella Comunità. Nello specifico, dal 21 giugno al 24 luglio (ieri) ci sono stati 49,024 contagi e 26 decessi -tre decessi segnalati che appartenevano a mesi precedenti-, quindi il tasso di mortalità è stato dello 0.05%. In quel periodo, nella provincia di Alicante si sono registrati solo 9 decessi.

Se andiamo alla terza ondata, la percentuale è drammaticamente più alta, dal momento che tra gennaio e febbraio ci sono stati 428,561 contagi da covid nella regione autonoma, che hanno provocato 4,468 morti. Ciò ha rappresentato una mortalità dell'1% dalla malattia. Cioè, 20 volte di più. In quei due mesi sono morte 784 persone nella provincia di Alicante.

Le percentuali della prima ondata -da marzo a giugno 2020- sarebbero simili a quell'1% di mortalità, secondo lo studio sierologico condotto dall'Istituto Carlos III di Madrid, che ha analizzato l'impatto in Spagna della prima ondata, quando è stata non sono stati fatti molti test diagnostici e ci sono stati 1,475 decessi registrati in quel momento. Tra la terza ondata di covid e la cosiddetta quinta ondata, c'è un principale differenza principale che spiega il miglioramento nella sopravvivenza prospettive contro il covid: tanti vaccini.

Secondo gli ultimi dati del governo, che corrispondono a giovedì, il 57.1% dei residenti nella Comunità Valenciana ha già la linea guida completa. La percentuale si aggira intorno all'86% tra le fasce di età dai 50 ai 59 anni e dai 60 ai 69 anni. La vaccinazione è praticamente completa tra le più antiche. Tutti i decessi dal 21 giugno al 24 luglio nella Comunità appartengono a persone con più di 50 anni, tranne uno che era compreso tra 40 e 49 anni.

I giovani, guardati con la lente d'ingrandimento nelle ultime settimane, sono stati protagonisti della maggior parte dei contagi (l'incidenza dei ventenni è al livello della terza ondata). Loro sono il gruppo meno immunizzato, con solo il 13.4% dei valenciani tra i 20 e i 29 anni con una dose. Tuttavia, nessuno dei decessi segnalati dal 21 giugno corrisponde a bambini sotto i 40 anni.

Picco di contagi in provincia

Questo venerdì è stato un giorno di appuntamento per vaccinarsi per molti ventenni. Resta la speranza che non ci sia un'altra ondata, almeno così grave come le prime, che porti insicurezza e restrizioni da parte delle autorità. In ogni caso, va ricordato che i contagi continuano a salire alle stelle. Ieri il Ministero della La sanità ha notificato 977 positivi in ​​provincia, il massimo finora in questa quinta ondata. 2,908 casi sono stati registrati in tutta la Comunità. In questo modo, il numero di contagi accumulati ammonta a 160,498 nell'area di Alicante ea 448,801 nella regione autonoma.

Puig sottolinea che gli ultimi morti erano negazionisti

Il presidente regionale, Ximo Puig, ieri si è rammaricato di questo gli ultimi morti per covid nell'autonomia «sono persone che non erano state vaccinate perché avevano deciso di non farsi vaccinare». Il capo del Consell ha sottolineato che, «nel rispetto della libertà individuale», la Generalitat ha «l'obbligo di dire ai valenciani che il vaccino è il bene più importante per superare la pandemia, dal punto di vista della salute individuale e collettiva». Puig ha insistito sull'idea che "il 9 ottobre il 70% della popolazione sopra i 12 anni sarà vaccinato".

Fissalo

Carta

  • Informazioni di base
  • (€). 0
    (€). 1,000,000
  • Indirizzo
  •  
  • Dettagli
  • -
    -
  • Altro
  •   In evidenza
  • Ordinamento
  •   Ricerca avanzata